I 4 ingredienti fondamentali in un progetto di Marketing Automation

In vista della seconda edizione del corso di Marketing Automation che terrò il prossimo 28 febbraio in quel di Bologna per Digital Update, oggi è uscito un nuovo post sul loro blog in cui spiego quali sono per me i 4 ingredienti fondamentali per approcciare al meglio un progetto di marketing automation.

La tecnologia

Secondo questa infografica di ChiefMartec.com nel 2001 c’erano circa 150 tool di marketing, nel 2016 erano poco meno di 4000: se avete già trovato quello definitivo siete decisamente più bravi (o fortunati) della maggior parte dei vostri competitor.

La software selection è una componente fondamentale del lavoro di un marketing technologist. Siete in grado di commisurare il costo di una tecnologia rispetto all’impatto che avrà sul vostro business? Siete certi che l’una o l’altra tecnologia sia in grado di integrarsi adeguatamente al vostro sito web o al vostro CRM? Attivare una free trial è ben diverso dall’integrare un tool nel vostro stack tecnologico, ma il cloud, le API, le community e i piani a sottoscrizione mensile hanno radicalmente cambiato lo scenario e il potenziale è enorme.

I dati

Non è sempre vero che avendo una maggiore quantità di dati sia possibile risolvere una maggiore quantità di problemi. Piuttosto, la realtà è che a distanza di quasi tre anni da questa ricerca di Econsultancy una delle sfide più complesse per i marketer è ancora quella di tradurre i dati  in decisioni e azioni concrete.

Obiettivi misurabili e KPI essenziali di riferimento (non troppi!), ma soprattutto non dimenticate che, qualsiasi sia la dimensione del contesto in cui vi troverete ad operare:

  1. un progetto di digital marketing non può prescindere da un account Google Analytics;
  2. ci sono decine di strumenti che vi permettono di aggregare (TapAnalytics, Cyfe, Supermetrics) e visualizzare (Google Data Studio, PowerBI) dati dalle sorgenti più diverse;
  3. tuttavia, il vostro migliore amico rimarrà Excel.

La personalizzazione

Nell’era dell’Always-On riuscire ad automatizzare il presidio di ogni punto della consumer journey è essenziale, così come lo è la personalizzazione del messaggio in relazione a un determinato contesto, per garantire un’esperienza utente ottimale e aumentare la possibilità che questo converta.

Ma dinanzi a un approccio analitico fate sì che questo non condizioni la vostra creatività, perché in tutto questo esiste una imprescindibile componente emotiva. A questo proposito, iniziate a familiarizzare con gli A/B test.

L’approccio mentale

Un progetto di marketing automation è un processo di miglioramento continuo.

Pianificazione, esecuzione, misurazione, miglioramento. Garantire dati affidabili, ottimizzare i messaggi, affinare l’integrazione tra tecnologie: scordatevi di “accendere” un progetto di marketing automation è svegliarvi il giorno dopo con la fila di clienti davanti alla porta (lo so, è una sciocchezza ma sempre bene ribadirlo). La stessa Alessandra, alle prese con le automazioni di MailChimp, ha scritto qualcosa in merito pochi giorni fa, sottolineando che pur trattandosi di automatismi vanno controllati e “registrati” con regolarità.

Operiamo in un mondo dove tutto cambia alla velocità della luce, siate curiosi e non abbiate paura di sbagliare sperimentare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...